Divertentissima! Matteo Renzi va a confessarsi…

Matteo Renzi si reca dal parroco della sua parrocchia per confessarsi, ma il prete gli dice: “Ascolta figliolo, mi pare che il tuo caso richieda una competenza superiore. Credo sia meglio che tu vada dal Vescovo”
Così Renzi si presenta dal Vescovo chiedendogli la confessione.*
“Certo figliolo, come ti chiami?”
“Renzi”
“Renzi l’ex presidente del Consiglio? No caro mio, non ti posso confessare perché il tuo è un caso difficile, è meglio che tu vada in Vaticano”
Renzi allora va dal Papa ed esordisce:
“Sua Santità, voglio confessarmi”
“Caro figlio mio, come ti chiami?”
“Renzi ”
“Ahi, ahi, ahi, figliolo, il tuo caso è molto difficile anche per me, però qui sul lato del Vaticano c’è una piccola cappella. Al suo interno troverai una croce…il Signore ti potrà ascoltare”
Renzi giunge nella cappella e si rivolge alla croce:
“Signore, voglio confessarmi”
“Certo figlio mio, come ti chiami?”
“Renzi ”
“Ma chi? L’ex Presidente del Consiglio in Italia?
Quello del giglio magico e dell’inchiesta miliardaria su CONSIP?
Quello che ha tolto l’articolo 18 e ha aumentato il lavoro precario?
Quello che ha nominato la Boschi ministro e poi ha salvato la banca di famiglia rovinando migliaia di cittadini?
Quello che ha fatto incrementare l’immigrazione clandestina senza integrare i veri rifugiati, dando alle cooperative oltre 1 miliardo di Euro?
Quello che ha fatto aumentare il debito pubblico?
Quello che si è fatto la legge elettorale su misura e adesso che ha perso consensi non gli va più bene?
Quello che doveva lasciare se perdeva il referendum ma è ancora in politica?
Quello della riforma “Buona scuola” che ha gettato l’istruzione nel caos?
E l’aumento delle tasse? Il canone TV in bolletta? La manutenzione caldaia, “bollino” da 8,00 € a 20,00 di quest’anno? E le bollette del telefono ogni 28 giorni, cioè 13 bollette all’anno?!?”
“Ehm… sì sono proprio io, Signore…”
“Figlio mio, non hai bisogno di confessarti, tu devi solamente ringraziare!”
“Ringraziare? E chi Signore?”
“I Romani, per avermi inchiodato qui! Altrimenti scendevo e ti facevo un mazzo così!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *