La proposta choc di una madre: “Mia figlia è vergine, con 20.000 euro potete farci sesso”

Irina Gladkikh, 35 anni, agente immobiliare russa, ha cercato di vendere la verginità della figlia di 13 anni “ad un ricco uomo d’affari”. Peccato per lei che all’appuntamento si è presentata la polizia, che l’ha arrestata insieme all’amica che l’accompagnava per “lo scambio”.

Questa l’assurda vicenda che ha visto coinvolta Irina Gladkikh, 35 anni, e sua figlia di 13. Irina, insieme ad un’amica e la figlia, sarebbe volata a Mosca per incontrare un facoltoso uomo, ricco e benestante, per proporgli l’assurda offerta: concedere la figlia ancora 13enne per una notte di sesso.

Fortunatamente, l’uomo non era facoltoso, ricco e benestante ma era un agente di polizia che si comportava da tale per far cadere nella trappola la madre sconsiderata.

“Si era accordata per fare in modo che la ragazzina minorenne facesse sesso con un ricco uomo d’affari”, secondo la polizia.

“Alle 7,35 del mattino io e mia figlia siamo volate a Mosca. Siamo arrivati lì per conoscere un uomo ricco al fine di ottenere un aiuto economica” ha detto la 35enne, ammettendo le accuse. Nel filmato, l’amica confessa che l’obiettivo era “vendere il diritto di avere la prima notte” con l’adolescente.

continua su: https://www.fanpage.it/russia-l-offerta-choc-mia-figlia-13enne-e-vergine-datemi-20mila-euro-e-potete-farci-sesso/
http://www.fanpage.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *