Ora di Meditazione a scuola dopo il terremoto: così i bambini ritrovano la serenità

<<Se si insegnasse la meditazione ai bambini di otto anni si eliminerebbe la violenza nel mondo nel giro di una generazione>> spiegava il Dalai Lama.

A Foligno, il maestro di meditazione e Qigong Mauro Fiorucci sta cercando di mettere in pratica tale insegnamento, attraverso un progetto affascinante che vede il suo luogo d’espressione nell’Istituto Comprensivo Foligno 2. Qui, in seguito al terremoto, i bambini praticano la meditazione mindfulness per ritrovare la serenità. Alcuni di loro sono stati trasferiti nell’Istituto in seguito alle scosse che hanno reso inagibili le loro vecchie scuole. La meditazione sta riscuotendo ottimi risultati contribuendo all’integrazione dei nuovi studenti.

La prima lezione di meditazione si è svolta il 13 gennaio di quest’anno con la presenza di una classe di 24 alunni.

<<Per fortuna le cose sono andate bene sin da subito. Anche se all’inizio per alcuni bambini ciò che proponevo pareva strano, ora anche quei pochi reticenti partecipano con più interesse. Ho iniziato insegnando loro tecniche di rilassamento, per prendere confidenza con le sensazioni del corpo, e poi l’attenzione al respiro, la base della meditazione mindfulnes>> racconta l’insegnante a Green me.

Secondo Qigong Mauro Fiorucci sono molteplici i benefici che tale disciplina può avere sui bambini.

<<In generale, ciò che mi prefiggo e rendere i bambini capaci di riconoscere le emozioni, farli diventare consapevoli di quanto le emozioni condizionino il corpo, la mente e i rapporti con gli altri. Il passo successivo è quello di fornire loro degli strumenti per poter gestire le emozioni, che sono principalmente il respiro e le visualizzazioni. Il terzo aspetto è quello di rafforzare e far comprendere l’importanza delle emozioni positive, sottolineando come anche gli altri, esattamente come noi, vogliono essere trattati bene, ricevere parole gentili, sentirsi al sicuro, essere circondati d’affetto>> prosegue l’insegnante. Ora, i bambini aspettano con grande gioia la loro lezione settimanale di mindfulness.

Sarebbe bello che tale disciplina, assieme allo Yoga e ad altre tecniche di rilassamento, fosse introdotta nei programmi di sempre più scuole a beneficio dei bambini, per arricchire il loro bagaglio e per consentire loro di vivere al meglio le ore scolastiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *