Vent’anni ad Antonio Logli, il processo Ragusa ha una sentenza

Vent’anni ad Antonio Logli. L’elettricista toscano è stato condannato per aver ucciso la moglie Roberta Ragusa la notte del 13 gennaio 2012 e averne distrutto il corpo. Logli, però, non verrà arrestato, resta sottoposto all’obbligo di firma nel comune di residenza. L’avvocato di parte civile: “Non è la vittoria di nessuno, solo la vittoria del dolore”.

Dunque è stata confermata la sentenza di condanna in primo grado a vent’anni di reclusione per il delitto del 2012. “Potete immaginare, è un’emozione forte – ha detto la cugina Maria Ragusa, costituitasi parte civile  – in aula c’era tanta tensione. Siamo molto provati”.

Prima Daniele e poi la sorellina, infatti, hanno consegnato ai giudici, attraverso il loro legale, l’avvocato Beatrice Vestri, una memoria a favore del padre. Una posizione controversa quella dei due ragazzi che sarebbero entrambi parte civile, insieme alla cugina di Roberta, Maria Ragusa – rappresentata dall’avvocato Nicodemo Gentile – la quale ha recentemente espresso la propria tristezza per il fatto che i figli di Roberta abbiano ‘dimenticato’ la madre.

 

continua su: https://www.fanpage.it/processo-ragusa-per-antonio-logli-e-arrivato-il-giorno-della-verita/p1/
http://www.fanpage.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *